DIECI ALLA MENO NOVE CONSIGLIA LA LETTURA DELLA RIVISTA:

domenica 24 febbraio 2013

Scorrimento e caratteristica meccanica in un M.A.T.



Nello studio del MAT introduciamo una variabile tipica di questo motore, lo scorrimento, che lega il numero di giri del rotore a quello di sincronismo del campo magnetico rotante, che, come già sappiamo, è pari a


n0 = 60 f/p (espresso in giri al minuto) ,

con f frequenza delle correnti statoriche e p numero delle coppie dei poli della macchina. Allora, si definisce scorrimento il numero

s = (n0 - n2 ) / n0

dove n2 è il numero di giri al minuto del rotore. Il numeratore di tale relazione (n0 - n2) è la velocità relativa tra campo magnetico rotante e rotore. Lo scorrimento, quindi, esprime la frazione di giri, o il numero di giri, persi dal rotore rispetto al campo magnetico rotante, per ogni giro di questo. Per convenzione, è positiva la velocità del rotore se questo ruota nello stesso verso del campo rotante. Ora, poiché la velocità del rotore può assumere qualsiasi valore, lo scorrimento potrà variare da più a meno infinito. In particolare, quando il rotore ruota alla velocità di sincronismo, n2 = n0, risulta s = 0; quando il rotore fermo, cioè n2 = 0,
si avrà, invece, s = 1.
Per valori decrescenti della velocità Per valori decrescenti della velocità del rotore da quella di sincronismo a zero, lo scorrimento passa da 0 a 1. Se la velocità del rotore è superiore a quella di sincronismo n2 > n0, risulta che s < 0; se, invece, il rotore ruota in senso opposto a quello sincrono, n2 < 0, risulterà, quindi, s > 1. Oltre che in relazione al numero di giri, lo scorrimento si può esprimere anche direttamente in funzione delle velocità angolari.

Caratteristica meccanica



La coppia motrice si adegua alla coppia resistente solo sul tratto decrescente della caratteristica meccanica del motore asincrono.

Infatti se la coppia resistente diminuisce, la coppia motrici risulta superiore ad essa, pertanto la velocità del motore aumenta. Man mano che la velocità cresce ( vedi caratteristica), si riduce il valore della coppia motrice fino ad eguagliare la coppia resistente. Il nuovo equilibrio avviene ad un nuovo valore di velocità
Allo stesso modo se la coppia resistente aumenta, la velocità del motore diminuisce, ma contemporaneamente il motore sviluppa una coppia motrice maggiore. Quando la coppia motrice eguaglia di nuovo la coppia resistente la velocità del motore si stabilizza ad un nuovo valore .


Aldo Domenico Ficara