DIECI ALLA MENO NOVE CONSIGLIA LA LETTURA DELLA RIVISTA:

mercoledì 10 aprile 2013

Prof. Teodoro Valente vince il premio “Marco Polo della scienza italiana”

Il professor Teodoro Valente del dipartimento di Ingegneria chimica, materiali e ambiente ha vinto il premio “Marco Polo della scienza italiana” che gli verrà consegnato il 26 aprile a Kyoto in occasione dell’evento “Italy meets Asia: scientific venue in Kyoto 2013”.

A motivazione del premio il contributo scientifico dato da Valente in collaborazione con gli scienziati e le università giapponesi.


Il suo Curriculum Vitae

Dall’1.11.2001 è Professore Universitario di Ruolo di Prima Fascia presso la Facoltà di Ingegneria dell’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”, SSD ING-IND22 “Scienza e Tecnologia dei Materiali”. Docente di “Materiali Aerospaziali”, per il corso di Laurea in Ingegneria Aerospaziale dell’Università di Roma “La Sapienza”, di “Materiali Aeronautici” per la Laurea Specialistica in Ingegneria Aeronautica e di “Materiali” per il corso di laurea in Ingegneria Chimica presso la stessa Università. Già docente di “Ingegneria dei trattamenti superficiali” per il corso di Laurea in Ingegneria delle Nanotecnologie Industriali.

Dall'1.02.1990 al 31.01.1992 la Snamprogetti Spa gli ha conferito un contratto di consulenza biennale con il compito di svolgere una ricerca finalizzata allo studio di materiali refrattari per altissime temperature. In parallelo a questa attività ha partecipato a linee di ricerca inerenti studi sulla corrosione dei ferri di armatura di calcestruzzi; realizzazione di compositi a matrice di alluminio rinforzati con fibre di carburo di silicio e relative tecniche di consolidamento secondario; progettazione e realizzazione di una macchina per lo studio della corrosione per sfregamento di materiali ceramici strutturali e di rivestimenti antiusura. Vincitore di selezione europea ha ricoperto l'incarico di esperto nazionale distaccato presso la Direzione Generale XII della Commissione Europea per le Azioni di Cooperazione Scientifica e Tecnologica denominate COST, nel settore della ricerca sui Materiali. Nello stesso periodo ha ricoperto anche l’incarico di Segretario Scientifico del Comitato Europeo “COST ad hoc Technical Committee on Materials”.

E’ (è stato) responsabile scientifico nei seguenti principali progetti: a) Progetto Finalizzato Materiali Speciali per Tecnologie Avanzate II (1998-2000), Sottoprogetto SP1: Materiali ceramici e Metallici, Relativi Compositi, Tematica 1.2 – Linea di ricerca 1.2.2: Compositi a Matrice metallica, Titolo della ricerca “Sviluppo di Materiali Compositi a Matrice Metallica e Metodi di Lavorazione”; b)Progetto di ricerca di interesse nazionale, Cofin MURST 1998, Titolo della ricerca “Studio degli effetti di sollecitazioni indotte da cicli termici sulle proprietà di compositi con rinforzo particellare”; c) Progetto di ricerca “Materiali compositi e Tecnologie Innovative per l’industria del tempo libero” – Legge 95/95, Linea 6a “Materiali Compositi e Tecnologie Innovative per l’industria dello sci”; d) Progetto di ricerca "Rivestimenti ceramici per applicazioni in condizioni estreme di temperatura", finanziato dal Consiglio Nazionale delle Ricerche Agenzia 2000; e) Progetto di ricerca finanziato dal MIUR sul Fondo integrativo speciale per la ricerca, FISR - tema “Modellistica Molecolare” (nanocompositi); f) Progetto di ricerca finanziato dal MIUR , Legge n.449/97, “Materiali strutturali per impieghi che richiedono specifiche prestazioni strutturali o termiche”; g) Contratti di ricerca con Enti di Ricerca Pubblici, Privati ed Aziende Nazionali ed Internazionali; h) Progetto di ricerca finanziato dal MIUR sul Fondo integrativo speciale per la ricerca, FISR – Programma Strategico “Nuovi sistemi di produzione e gestione dell’energia”, Progetto Obiettivo “Celle a Combustibile”, titolo del progetto “Celle a combustibile ad elettroliti polimerici e ceramici : dimostrazione di sistemi e sviluppo di nuovi materiali”, attività relativa alla realizzazione di rivestimenti per elettrodi; i) Responsabile del Working Package “Surface Functionality and Composites“ e del sottoprogetto “Aeroengines”, nell’ambito del Progetto Integrato “Structural Ceramic Nanocomposites for top-end Functional Applications, finanziato dalla Comunità Economica Europea nell’ambito del VI Programma Quadro. Membro del Comitato Esecutivo del progetto.

E’ Direttore del Consorzio Interuniversitario per la Scienza e Tecnologia dei Materiali, già Presidente dell’Associazione Italiana di Ingegneria dei Materiali, VicePresidente del Consorzio misto pubblico-privato MATRIS e del Polo di Innovazione GRINT Scarl, già Consigliere di Ammministrazione della Societa’ Rete Ventures Scarl, Vicepresidente del Consorzio Sapienza Innovazione e rappresentante dell’Ateneo Roma La Sapienza nel Consorzio CIRTER. Responsabile per conto del Consorzio INSTM dei rapporti con il laboratorio “Research Institute on Nanoscience” presso il Kyoto Institute of Technology nell’ambito dell’iniziativa supportata dal Ministero degli Affari Esteri per la costituzione di laboratori congiunti Italo-Giapponesi. Già membro del Consiglio Scientifico dell’Istituto dei Materiali Nanonostrutturati (CNR ISMN Roma).

Autore di più di 120 lavori pubblicati su Riviste Internazionali ed Atti di Convegni Internazionali/Nazionali, di due brevetti internazionali ed uno nazionale. L’attività scientifica ha coperto settori applicativi relativi alla scienza e tecnologia dei materiali ed all’innovazione/ottimizzazione di prodotto/processo.