DIECI ALLA MENO NOVE CONSIGLIA LA LETTURA DELLA RIVISTA:

domenica 24 febbraio 2013

Scorrimento e caratteristica meccanica in un M.A.T.



Nello studio del MAT introduciamo una variabile tipica di questo motore, lo scorrimento, che lega il numero di giri del rotore a quello di sincronismo del campo magnetico rotante, che, come già sappiamo, è pari a


n0 = 60 f/p (espresso in giri al minuto) ,

con f frequenza delle correnti statoriche e p numero delle coppie dei poli della macchina. Allora, si definisce scorrimento il numero

s = (n0 - n2 ) / n0

dove n2 è il numero di giri al minuto del rotore. Il numeratore di tale relazione (n0 - n2) è la velocità relativa tra campo magnetico rotante e rotore. Lo scorrimento, quindi, esprime la frazione di giri, o il numero di giri, persi dal rotore rispetto al campo magnetico rotante, per ogni giro di questo. Per convenzione, è positiva la velocità del rotore se questo ruota nello stesso verso del campo rotante. Ora, poiché la velocità del rotore può assumere qualsiasi valore, lo scorrimento potrà variare da più a meno infinito. In particolare, quando il rotore ruota alla velocità di sincronismo, n2 = n0, risulta s = 0; quando il rotore fermo, cioè n2 = 0,
si avrà, invece, s = 1.
Per valori decrescenti della velocità Per valori decrescenti della velocità del rotore da quella di sincronismo a zero, lo scorrimento passa da 0 a 1. Se la velocità del rotore è superiore a quella di sincronismo n2 > n0, risulta che s < 0; se, invece, il rotore ruota in senso opposto a quello sincrono, n2 < 0, risulterà, quindi, s > 1. Oltre che in relazione al numero di giri, lo scorrimento si può esprimere anche direttamente in funzione delle velocità angolari.

Caratteristica meccanica



La coppia motrice si adegua alla coppia resistente solo sul tratto decrescente della caratteristica meccanica del motore asincrono.

Infatti se la coppia resistente diminuisce, la coppia motrici risulta superiore ad essa, pertanto la velocità del motore aumenta. Man mano che la velocità cresce ( vedi caratteristica), si riduce il valore della coppia motrice fino ad eguagliare la coppia resistente. Il nuovo equilibrio avviene ad un nuovo valore di velocità
Allo stesso modo se la coppia resistente aumenta, la velocità del motore diminuisce, ma contemporaneamente il motore sviluppa una coppia motrice maggiore. Quando la coppia motrice eguaglia di nuovo la coppia resistente la velocità del motore si stabilizza ad un nuovo valore .


Aldo Domenico Ficara





mercoledì 20 febbraio 2013

Concorso a cattedra: la prova scritta di fisica

di Aldo Domenico Ficara


20/02/2013

La legge di gravitazione universale di Newton e leggi di Keplero, condensatori e campi elettrici, termodinamica dei gas perfetti e macchine termiche gli argomenti della prova scritta di Fisica per il concorso docenti



In altre parole si poteva partire ad esempio dalle tre leggi di Keplero: “ l'orbita descritta da un pianeta è un'ellisse, di cui il Sole occupa uno dei due fuochi”, “ il raggio vettore che unisce il centro del Sole con il centro del pianeta descrive aree uguali in tempi uguali “, ed infine “ i quadrati dei periodi di rivoluzione dei pianeti sono proporzionali ai cubi dei semiassi maggiori delle loro orbite” per arrivare alla termodinamica dei gas perfetti, quindi parlando e approfondendo tematiche riguardanti le leggi di Gay-Lussac, la legge di Boyle, la costante dei gas perfetti e la costante di Boltzmann e altro ancora. Nel mezzo dell’elaborato si doveva analizzare i condensatori e i loro campi elettrici, dove per condensatore si intende un componente elettrico che immagazzina l'energia in un campo elettrostatico.

Di seguito si propone la traccia del compito:

• La legge di gravitazione universale di Newton spiega il moto planetario. Si discutano la consistenza della legge di gravitazione universale con le leggi di Keplero e la forma, derivandola dall'energia potenziale gravitazionale. Si dia l'ordine di grandezza della massa del Sole sapendo che G = 6,67 x 10^ (-11) N m^2 / kg^2 e che il raggio dell'orbita terrestre è di 1.5 x 10^8 km.

• Un condensatore è un sistema in grado di immagazzinare cariche elettriche ed energia. Si discutano in presenza ed in assenza di materiale dielettrico, il campo elettrico, la capacità elettrica e l'energia immagazzinata in un condensatore piano parallelo. Si descriva almeno un'utilizzazione del condensatore in ambito scientifico o tecnologico.

• Nell'ambito della termodinamica dei gas perfetti, si discutano alcuni esempi di macchine termiche, il loro rendimento e gli enunciati del secondo principio della Termodinamica.

Ricordando che nella preselettiva dei TFA si misuravano le resistenze elettriche in Watt, l’augurio e quello che tutto fisicamente fili liscio.



http://www.tecnicadellascuola.it/index.php?id=43695&action=view

venerdì 15 febbraio 2013

FameLab 2013, il talent show degli scienziati

Roma, mercoledì 20 febbraio 2013

Ore 11.00 – 13.00
British Council - Via di San Sebastianello 16 (Metro: Spagna)



FameLab: il talent show scientifico promosso dal British Council, l’ente culturale britannico, in 25 paesi in tutto il mondo, ed ideato dal Festival della Scienza di Cheltenham (Regno Unito) ritorna in Italia per il secondo anno consecutivo coordinato da Psiquadro, e realizzato grazie alla collaborazione e al sostengo di: Museo delle Scienze - Trento, formicablu - Bologna e Roma, Associazione Festival della Scienza – Genova, Fosforo - Ancona, Immaginario Scientifico - Trieste e Perugia Science Fest – Perugia
Tre minuti e una manciata di parole per comunicare al pubblico un argomento scientifico. Come in ogni talent show, i partecipanti vengono giudicati da una giuria di esperti, in questo caso provenienti dal mondo della scienza e della comunicazione. Se in gamba, superano le selezioni locali e la finale nazionale per concorrere alla finale internazionale, nella quale si confrontano con i vincitori di altri 24 Paesi del mondo. La finale internazionale si svolge a giugno durante il Cheltenham Science Festival, nel Regno Unito, alla presenza del pubblico in sala e in streaming.
Il progetto sarà presentato alla stampa da:
Leonardo Alfonsi, Presidente European Science Events Association, coordinatore FameLab Italia
Federico Cinquepalmi, Dirigente Ufficio II Direzione Generale Internazionalizzazione della Ricerca MIUR* (*in attesa di conferma)
Stephen Benians, Direttore Programmi British Council Italia
Sabrina Paolini, Dirigente Servizio Politiche Attive del Lavoro - Autorità di Gestione FSE - Regione Umbria

Interverranno:

Aura Berardi, direttore organizzativo Science Centre Immaginario Scientifico
Samuela Caliari, Responsabile attività per il pubblico e nuovi linguaggi Museo delle Scienze di Trento
Mattia Crivellini, direttore Fosforo
Nicola Nosengo, coordinatore selezione FameLab Roma
Andrea Sessarego, Associazione Festival della Scienza
Angela Simone, coordinatrice selezione FameLab Bologna – formicablu


FameLab Italia per il 2013 è cofinanziato dal Fondo Sociale Europeo, Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, della Regione Umbria e dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia.

Le selezioni locali sono realizzate grazie al sostegno e alla collaborazione di: Consiglio Nazionale delle Ricerche, Istituto Nazionale di Astrofisica, Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, Istituto Italiano di Tecnologia, Alma Mater Studiorium Università di Bologna, Università degli Studi di Perugia, Università Politecnica delle Marche, Università degli Studi di Trento, Università degli Studi di Trieste, Centro Euro Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici, Cosbi (Microsoft Research – Università di Trento), Fondazione Bioparco di Roma, Fondazione Bruno Kessler, Fondazione Edmund Mach - Istituto Agrario di San Michele all’Adige, Istituto di Scienze Marine - Cnr, Associazione BlaBla, Scientificast


Sito Internet Famelab Italia: www.famelab-italy.it



Ufficio Stampa
Emanuela Sias
British Council
Cell. 348 3861340
emanuela.sias@britishcouncil.it



domenica 10 febbraio 2013

Quando la robotica diventa sexy

La "luce estrema" al Cnr di Pisa





Sorgerà a Pisa un nuovo impianto di luce laser “estrema” per applicazioni scientifiche in ambito medico e nucleare. L’impianto, già in fase avanzata di progettazione, sarà realizzato presso l’Unità di Pisa “A. Gozzini” dell’Istituto Nazionale di Ottica, all’Interno dell’area di Ricerca del CNR di Pisa, dove ha sede il Laboratorio di Irraggiamento con Laser Intensi.
Il nuovo impianto laser, che andrà a potenziare quello già esistente presso il Laboratorio, sarà in grado di generare impulsi di luce laser che, per un tempo brevissimo, della durata di 20 biliardesimi di secondo (1 biliardesimo di secondo è un femto secondo, ovvero un secondo con 14 zeri davanti), fornirà una potenza pari alla potenza elettrica totale impiegata sull’intero pianeta, equivalente a decine di migliaia di Gigawatt. Queste caratteristiche fanno di questo impianto una sorgente di luce “estrema” che, una volta concentrata sulla materia, è in grado di scatenare forti campi elettrici che ne fanno un potente acceleratore di particelle in miniatura.
Queste particelle sono impiegabili in tantissimi settori scientifici e tecnologici e la ricerca presso il CNR di Pisa si concentra su alcuni di questi aspetti, alcuni di carattere fondamentale ed altri applicativi, anche attraverso una vasta collaborazione che vede riuniti fisici, biologi, ingegneri e medici provenienti dall’Istituto di Fisiologia Clinica, dall’istituto di Biofisica e dall’Azienda Ospedaliera Pisana. Obiettivo principale di questa collaborazione è l’applicazione di questa nuova classe di sorgenti estreme alla radiobiologia, alla radioterapia e alla diagnostica medica.
Questa iniziativa emerge da una consolidata tradizione del CNR di Pisa nello sviluppo e nell’impiego del laser e dell’ottica, avviato negli anni ‘60 dal Prof. Adriano Gozzini.
Negli ultimi anni l’attività ruota attorno ai laser di altissima potenza e alle loro applicazioni alla salute e allo sviluppo di nuove fonti di energia.
Questa nuova linea di ricerca partiva proprio dieci anni fa quando, dalle pagine de “Il Tirreno” dell’11 febbraio 2003 veniva annunciato l’avvio di un importante progetto, finanziato dal Ministero per l’Università e la Ricerca, per la realizzazione di un generatore ultraveloce di raggi X. Nel corso degli anni, quell’impianto ha costituito un punto di aggregazione di ricercatori e formazione di studenti dell’Università di Pisa che hanno condotto ricerche e concepito nuovi progetti che oggi si sviluppano e puntano a nuovi obiettivi scientifici sempre più vicini alle esigenze della collettività.
Volano di questo nuovo progetto sono le collaborazioni con altre importanti realtà di ricerca italiane, prima fra tutte l’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare con il quale, da anni, il CNR di Pisa collabora intensamente e la partecipazione a grandi iniziative europee dedicate alla “Luce Estrema”, partecipazione che il CNR nazionale ha riconosciuto come strategica e ha quindi deciso di sostenere.
I finanziamenti disponibili a Pisa, che complessivamente ammontano a circa 1.2 milioni di euro, consentiranno di completare i lavori d’istallazione in tempi brevi e già dal 2014 si prevedono l’inaugurazione dell’impianto e l’avvio delle nuove ricerche.



--
Luciano Celi
Consiglio Nazionale delle Ricerche
Istituto per i Processi Chimico-Fisici
Area della Ricerca di Pisa
Via G. Moruzzi, 1
56124 PISA
050-3153498
web: http://www.pi.ipcf.cnr.it/users/luciano-celi


mercoledì 6 febbraio 2013

FameLab Italia 2013 - partecipa alla seconda edizione del talent show scientifico internazionale

Dopo il successo dell'edizione 2012, torna in Italia FameLab (www.famelab-italy.it), il talent show scientifico internazionale per giovani scienziati, ricercatori, studenti universitari e docenti di materie scientifiche che si sfidano nel comunicare al pubblico, in tre minuti e a suon di parole, un argomento scientifico che li appassiona.

FameLab è una competizione internazionale promossa dal British Council, l’ente culturale britannico e ideata dal Festival della Scienza di Cheltenham.
In Italia la competizione è promossa dal British Council Italia, coordinata da Psiquadro e realizzata in collaborazione con: Associazione Festival della Scienza di Genova, formicablu di Bologna e Roma, FosforoScienza di Ancona, Laboratorio dell'Immaginario Scientifico di Trieste, Museo delle Scienze di Trento e Perugia Science Fest di Perugia
Dal 1 al 16 marzo si svolgeranno le competizioni locali ad Ancona, Bologna, Genova, Roma, Perugia, Trento e Trieste secondo il seguente calendario:


TRIESTE - 1 marzo
PERUGIA - 9 marzo
ROMA - 9 marzo
BOLOGNA - 14 marzo
TRENTO - 15 marzo
ANCONA - 16 marzo
GENOVA - 16 marzo


La partecipazione alla competizione è gratuita.

Se vuoi saperne di più consulta www.famelab-italy.it, seguici su facebook facebook.com/groups/famelabitaly/ o scrivi a segreteria@famelab-italy.it


Psiquadro
Coordinatore FameLab Italia
Via Fra' Giovanni da Pian di Carpine 80
06127 Perugia
T. 0755057909 - F. 0759662215